Tel.: +39 035 661577 | E-mail: gis@gisimp.it
  • Home
  • News
  • Tornelli con termoscanner anche in ospedale per contrastare il Covid-19

Tornelli con termoscanner anche in ospedale per contrastare il Covid-19

La soluzione è stata adottata con risultati eccellenti dal Policlinico San Marco di Zingonia (Gruppo San Donato)

Nelle ultime settimane l’emergenza sanitaria da Covid-19 è tornata purtroppo a colpire prepotentemente l’Italia. Crescono i contagi e la preoccupazione che gli ospedali possano subire nuovamente un duro colpo sia per il numero elevato di pazienti che potrebbero intasare i reparti, sia per il potenziale rischio di contagio interno, resta alta.

Il Policlinico San Marco di Zingonia (Gruppo San Donato), per uniformarsi al nuovo DPCM varato dal Governo, ha deciso di installare, all’ingresso e all’uscita della propria struttura, dei moderni tornelli comandati da termoscanner per il rilevamento della temperatura corporea degli utenti. L’intervento è stato effettuato da Gis Srl (Gestione impianti speciali), una delle prime aziende, specializzate in Italia nel settore degli impianti di sicurezza e di gestione di sistemi complessi, a puntare su questo genere di dispositivi.

Tornelli termoscanner, come funzionano?

L’opera voluta dal Policlinico San Marco di Zingonia già da tempo viene utilizzata nelle metropolitane delle grandi città, in un numero elevato di aziende e dagli enti pubblici per facilitare il contingentamento delle persone.

I tornelli termoscanner sono dotati, infatti, di sistemi tecnologici studiati appositamente per verificare la temperatura corporea degli utenti in transito allo scopo di gestire al meglio gli accessi e i flussi di ingresso e di uscita dei visitatori. Un metodo che, sia nelle strutture pubbliche che private, ha già prodotto risultati ottimali nel contrasto alla diffusione del Covid-19.

Tornelli termoscanner: prevenzione sicurezza

 La soluzione adottata da una struttura importante come il Policlinico San Marco di Zingonia, garantisce la sicurezza dei visitatori e dei pazienti attraverso l’uso di semplici tablet termoscanner dotati di termocamera. I tablet sono installati sulla struttura portante del tornello e gestiscono l’apertura o l’eventuale blocco del varco solo dopo aver verificato, tramite appositi lettori facciali, che la persona che desidera passare, presenti una temperatura corporea nei giusti parametri e indossi la mascherina in modo corretto (coprendo naso e bocca).

Una volta verificate, in pochissimi secondi, le condizioni dell’utente, il sistema concede o meno l’accesso all’interno della struttura ospedaliera tramite un messaggio vocale (“Procedere”). Tra le altre cose i tornelli termoscanner sono dotati di un allarme ottico-acustico, di un impianto semaforico e di un controllo anti-accodamento.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI